1.Fabrizio Camilletti

foto Fabri.png

Fabrizio Camilletti

Diplomato in Medicina Tradizionale Cinese e Tui Na, ha tenuto corsi e seminari di Nuova Medicina Germanica dal 1996 al 2009.
Una costante ricerca condotta sul benessere psico-fisico, a partire da studi scientifici che poggiano sulle leggi della natura e che ambiscono alla comprensione delle emozioni come fatto biologico, lo ha condotto alla scoperta del Codice Biologico Emozionale e dell’Attivazione Biologica Emozionale.
E’ fondatore e presidente dell’Accademia di Medicina Biologica Emozionale: in questa veste promuove seminari informativi rivolti all’approfondimento e alla conoscenza di questa nuova disciplina dal 2009.
Attualmente docente dell’Accademia di Medicina Biologica Emozionale e membro attivo del Comitato di Ricerca e Sviluppo della stessa, tiene corsi atti a preparare futuri terapeuti olistici secondo i principi della biologia e della natura.
È Terapeuta Olistico in Medicina Biologica Emozionale presso il centro MBE di Loreto (AN).

Cell: 335.6486347
Email: info@medicinabiologicaemozionale.it

Che dire...la scuola migliore che abbia frequentato...difficile guardarsi dentro...ma puoi scoprire cose davvero utili

Alessandra

FIGATA ASSURDA, mi sta aiutando molto questo percorso (ho iniziato a Gennaio 2018), sia (soprattutto) per la sfera di vita privata sia per quella lavorativa! Solo una regola da seguire prima di iniziare: Desiderare di voler star bene, Desiderare di essere sincero con te stesso, Voler bene al proprio corpo. Quando inizierete non sarete in grado di fare ciò che vi ho appena elencato, l'importante è: essere disponibili a farlo. Il resto ve lo insegnerà la MBE (Medicina Bio Emozionale)

Angelo

Tutti noi ci siamo chiesti almeno una volta: cos'è la malattia? Cos'è il benessere? Attraverso il percorso proposto è possibile darsi delle risposte e conoscere se stessi in maniera tanto vera quanto profonda. Così nasce quella entusiasmante consapevolezza che ci permette d'imparare a reagire agli eventi di tutti i giorni con vera autenticità ed unicità. Salvi da quelle sovrastrutture e automazioni limitanti che agiscono come zavorre emozionali. All'improvviso ci accorgiamo che quei fastidi fisici inspiegabili spariscono, e, con essi, quelle giornate che sembravano non vissute da noi, con frustrazione e in balia degli eventi. Se volessimo descrive Medicina Biologica Emozionale con una parola possiamo descriverla: LIBERTA', essenza stessa della natura. Non finirò mai di ringraziare tutto il gruppo di studio e ricerca dell'MBE, di Fabrizio, Valentina, esseri meravigliosi. GRAZIE.

Leonardo Cianciarelli